2016

03Gen 2016

Picchia forte il sole del deserto.
L’aspro panorama lunare declina nei canneti vicini alla riva del Giordano. Giovanni alza gli occhi: centinaia di persone attendono il loro turno. Alcuni pregano, altri parlano sottovoce, altri ancora, in silenzio, piangono.
Attendono, ci spiega Luca.
Giovanni è stanco: consumato dal deserto e dal sole, dal vento sottile del Nord e dalla luce abbagliante, dai digiuni e dalle privazioni, ora il suo compito volge al termine. Da tre secoli tacciono i profeti e la fede si è incupita, irrigidita, riempita di regole e di intransigenze.

30Dic 2015

Seconda domenica di Natale Lotta interiore Vorrei far fare un po’ di purgatorio ai liturgisti, sinceramente. Nel periodo di Natale, tre settimane scarse, ci troviamo due volte a settimana per celebrare una festa. Per i preti, poveracci, calcolando la vigilia, quattro volte a settimana. C’è da perdersi, complice le doverose e legittime vacanze che chi […]