1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – Lc 18, 9-14

    XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

    Lc 18, 9-14
    Dal Vangelo secondo Luca

     9Disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: 10«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano. 11Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. 12Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”. 13Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”. 14Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 23 – 29 Ottobre 2016
    • Tempo Ordinario XXX, Colore verde
    • Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 2

    Fonte: LaSacraBibbia.net

  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO

A partire dal limite

banner-300x600-libri-ottobre

Chissà se troverà ancora la fede quando tornerà, il Signore.

Perché sì, lo stiamo ancora aspettando. Decisamente in ritardo, direte.

Sì, d’accordo. E questo ritardo preoccupava già san Paolo che concluse, alla fine, che il Signore aspetta pazienta perché sta noi far crescere il suo corpo che è la Chiesa e finché non è cresciuto, non tornerà. Quindi animo e al lavoro.

E la Parola, dopo averci interrogato sulla fede che se anche piccola come un granello di senape può sradicare i gelsi e sulla perseveranza quando il giudizio del mondo è iniquo e non ci rende giustizia, oggi indugia sul tema della preghiera.

E sull’atteggiamento del discepolo davanti a Dio.

Ahia.

Il fariseo e l’ingombro del cuore

I farisei erano devoti alla legge, cercavano di contrastare il generale rilassamento del popolo di Israele, osservando con scrupolo ogni piccolissima direttiva della legge di Dio.

Bella gente, poche storie. Certo, il fariseo ci sembra arrogante ma, in realtà, è solo pieno di zelo.

L’elenco che il fariseo fa, di fronte a Dio, è corretto: per zelo il fariseo paga la decima parte dei suoi introiti, non soltanto, come tutti, dello stipendio, ma finanche delle erbe da tisana e delle spezie da cucina! La legge prevede un giorno di digiuno all’anno, ma lui digiuna per due giorni a settimana, anche per coloro che non digiunano.

Ogni buon parroco vorrebbe avere, tra i suoi parrocchiani, almeno un fariseo: il decimo dello stipendio riempirebbe in fretta le casse della Parrocchia!
Qual è, allora il problema del fariseo?

Semplice, dice Gesù, è talmente pieno della sua nuova e scintillante identità spirituale, talmente consapevole della sua bravura, talmente riempito del suo ego (quello spirituale, il più difficile da superare), che Dio non sa proprio dove mettersi.

Non ha bisogno di essere salvato, non riconosce la lebbra ma ostenta davanti a Dio il suo luccicante stato di buona salute spirituale.

Il suo cuore è ingombro.

Il ricco di qualche domenica fa, ingombro di beni e di lusso. Il fariseo di oggi è pieno della sua devozione, diventata un piccolo idolo.

Peggio

cercatore-primo-capitolo

Peggio: invece di confrontarsi con il progetto (splendido) che Dio ha su di lui (e su ciascuno di noi), si confronta con chi fa peggio, con quel pubblicano, lì in fondo, che non dovrebbe neanche permettersi di entrare in chiesa.

Siamo pezzi unici, come potremmo mai confrontarci con gli altri?

Perché? Eppure gran parte della nostra vita si gioca avvoltolata nel confronto con gli altri, colmi di giudizio, di invidie, di opinioni. Sempre pronti a confrontarci con chi sta peggio di noi, con chi è peggiore. Quando l’unica persona con cui confrontarci dovrebbe essere il capolavoro che potremmo diventare.

Se solo ci credessimo.

Non è solo il problema dell’orgoglio. È proprio una complicazione dell’esistere, una vita che non riesce ad uscir fuori dal buco nero in cui si è infilata.

Vuoto

Il pubblicano, invece, di spazio ne ha tanto.

Il denaro che ha guadagnato con disonestà, l’odio dei suoi concittadini (è un collaborazionista!), l’impressione di avere fallito le sue scelte, creano un vuoto dentro di lui, un vuoto che Dio saprà riempire. Consapevole dei suoi limiti, li affida al Signore, chiede con verità e dolore, che Dio lo perdoni. E così accade.

Esiste un modo di vivere e di essere discepoli pieno di arroganza e di ego smisurato, pieno di certezze da sbattere in faccia agli altri (basta vedere il livello dello scontro politico ed ideologico che viviamo!)

Esiste un modo di vivere e di essere discepoli colmo di ricerca e di umiltà, di voglia di ascoltare e di capire, di continuare a cercare, pur avendo già trovato il Signore.

Il desiderio di Lazzaro, la sola cosa che possiede, lo spinge nelle braccia di Abramo. Il ricco, invece, ricordate?, ha il cuore ingombro, pieno di preoccupazioni, è imperatore e signore del suo tempo, delle sue cose. Solo un’assenza produce il bisogno di cercare. Solo il desiderio ci spinge.

E il pubblicano desidera.

Paradossale: il grande peccatore, lo è sul serio!, sopravanza il fariseo. La consapevolezza del peccato e del limite può essere il trampolino che ci spalanca l’universo di Dio.

Suggerimenti da pubblicano

Se non riesco a ritagliare nella mia giornata un quarto d’ora di assoluto relax, di vuoto mentale, magari dopo una bella corsetta, o una passeggiata nel parco, se non faccio silenzio intorno (spengo la tivù, stacco il cellulare), se non prevedo, almeno d’ogni tanto, una pausa di una giornata non passata, al solito, in coda in autostrada per andare a riposare farò fatica a trovare un luogo in cui Dio sta.

Lo so, coppie che leggete, oggi resistere costa fatica: la giornata è stracolma di impegni indispensabili per sopravvivere e i figli piccoli complicano ulteriormente le cose.

Non abbiamo spazio per l’interiorità, questo è il problema.

Il Vangelo di oggi ci ammonisce a lasciare un po’ di spazio al Signore, a non presumere, a non pretendere, a non passare il tempo a elencare le nostre virtù.

Siamo tutti nudi di fronte a Dio, tutti mendicanti, tutti peccatori.

Ci è impossibile giudicare, se non a partire dal limite, se non dall’ultimo posto che il Figlio di Dio ha voluto abitare.

Ancora una volta, il Signore chiede a ciascuno di noi l’autenticità, la capacità di presentarci di fronte a lui senza ruoli, senza maschere, senza paranoie.

Dio non ha bisogno di bravi ragazzi che si presentano da lui per avere una pacca consolatoria sulle spalle, ma di figli che amano stare col padre, nell’assoluta e (a volte) drammatica autenticità.

Questa è la condizione per ottenere, come il pubblicano, la conversione del cuore.


Conferenze di Paolo:

  • Padova 17/10 ore 21 La Chiesa si fa servizio;18/10 ore 21 lI progetto di Dio nella coppia: la Genesi, Sala parrocchiale – Bastia di Rovolon

In uscita tre mie libri: Il cercatore, lo scampato, l’astuto, il sognatore. Storia di patriarchi e di matriarche (san Paolo); Parabole per l’oggi (Claudiana) e Pregare per i vivi e per i morti (Marcianum press)

Comunicazioni:

  • A novembre pellegrinaggio a Roma
  • Dona il tuo 5×1000 all’associazione culturale Zaccheo che sostiene Paolo: scrivi sulla tua dichiarazione dei redditi cf 97715480014.
  • Un abbraccio agli oltre 4000 cercatori di Dio incrociati in questi primi sei mesi. Ora tiro il fiato per qualche mese, ho un libro da scrivere e molta preghiera da recuperare. Ci sono, qua e là, in alcuni appuntamenti: http://www.tiraccontolaparola.it/sicomoro-estate-2016/.
  • La meditazione del vangelo continua ogni settimana, perché la Parola non va mai in vacanza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *