1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – Mc 13, 24-32

    XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

    Mc 13, 24-32
    Dal Vangelo secondo Marco

    24In quei giorni, dopo quella tribolazione,
    il sole si oscurerà,
    la luna non darà più la sua luce,
    25le stelle cadranno dal cielo
    e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
    26Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. 27Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
    28Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. 29Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
    30In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. 31Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
    32Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre.

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 18 – 24 Novembre 2018
    • Tempo Ordinario XXXIII
    • Colore Verde
    • Lezionario: Ciclo B
    • Anno: II
    • Salterio: sett. 1

    Fonte: LaSacraBibbia.net

  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO

Sul serio?

Tu sei re?

Pilato è stupito e divertito. Non sa se lasciar andare per la sua strada questo straccione consegnatogli dal Sinedrio o divertirsi qualche istante con lui.

Cosa ha combinato questo folle se i riottosi sacerdoti si sono presi la briga di ingoiare più di un rospo amaro e sono venuti ad elemosinare la sua condanna a morte?

Pilato odia il Sinedrio. Il Sinedrio odia Pilato per i suoi modi spicci, per la sua insofferenza alle troppe consuetudini di questi fanatici insubordinati.

Eccolo lì l’uomo pericoloso.

Un pazzo che si prende per re.

Uno da manicomio. O da compatire. Cosa spaventa così tanto i religiosi bigotti del tempio?

Tu sei re?

Non si capacita della situazione, il procuratore romano.

È salito a Gerusalemme lasciando la calda Cesarea e il palazzo che affaccia sul porto solo per far valere la presenza dell’aquila romana nella città santa dell’irrequieta Provincia e ora deve iniziare la sua intensa giornata avendo a che fare con questo somaro.

Gesù cerca di capire se l’affermazione è una sua idea, se è una sua supposizione.

Pilato smorza ogni possibile dialogo, pone le distanze.

È preciso: a lui della sorte di Gesù non importa nulla, né gli importa cosa pensino gli altri, ma se si spaccia davvero per re allora esiste un problema. È un reato di lesa maestà, uno solo è l’Imperatore, non facciamo scherzi.

Tu lo dici

Gesù cerca di smuovere la durezza di cuore del romano.

È re, certo. Ma non come immagina Pilato. Il regno di Gesù non appartiene a questo mondo, infatti nessuno fra i suoi sudditi ha alzato la spada per difenderlo.

La discussione si fa interessante. Il pazzo segue una sua logica. Più o meno.

Dunque tu sei re?, provoca ancora Pilato.

Gesù ha capito che Pilato è troppo pieno di sé per ascoltarlo veramente.

Tu lo dici.

Ha ragione, il procuratore, Gesù non sembra in nessun modo un re.

È un gesto di fede crederlo. Di grande fede.

Gesù non appare come un re. Neanche lontanamente. Né appare come un politico famoso o un affermato imprenditore o un magnate della finanza. Non appare, semplicemente. In nessun modo.

E ne spiega la ragione: a lui non importa il potere. O il denaro. O i privilegi. O i lussi. O l’adorazione della folla.

Importa una cosa sola: adempiere la sua missione.

Vuole rendere testimonianza alla verità.

È re della verità. È re dell’autenticità.

È venuto a svelare il vero volto di Dio. E il nostro vero volto.

Sì, Gesù è re. Ma a modo suo.

Un re che capovolge la nostra idea di Dio. E della gloria.

Realy?

Tu sei re?

Mi sento dire dalle persone che hanno sbattuto la porta della parrocchia e se ne sono andati, stufi dell’ennesimo scandalo, stanchi dell’ennesimo parroco con le paturnie che vive fuori dal mondo, inorriditi dalle persone che tanto si danno da fare in parrocchia dimenticando le cose essenziali che rendono amabile una persona. Che testimonianza danno questi sudditi?

Tu sei re?

Mi chiedo quando vedo noi servi, noi alla corte del Signore, discutere per un titolo, per un riconoscimento, per un (santo e cattolico e devoto) applauso. E penso alla logica del mondo che sta scardinando la Chiesa (quella piccina, non quella che mai sarà sopraffatta) e vedo anch’io, come san Paolo VI, il fumo di Satana insinuarsi nella logica del Vangelo.

Tu sei re?

Leggo nello sguardo di compatimento, di sufficienza, di sottile ironia della gente che conta, dei giovani disincantati diventati cinici, delle persone urlanti e rabbiose che disprezzano come inutile e pericolosa la vita che deriva dal Vangelo. Cristiani, in teoria, ma fieramente razzisti e violenti nel loro modo di pensare e di vedere. E penso a cosa direbbero davanti a questo re da farsa che ci troviamo…

Mostri

Nella visionaria descrizione della prima lettura, Daniele vede il mondo sconquassato da quattro bestie, segno delle dominazioni su Israele che si sono succedute nei secoli: il leone indica il sanguinario regno di Babilonia, l’orso i Medi, il leopardo i persiani e l’ultima bestia, la più spaventosa, rappresenta il regno di Alessandro Magno e dei suoi successori, fra cui Antioco IV, persecutore dei devoti al tempo in cui scrive Daniele.

Nel brano che abbiamo meditato il profeta vede la venuta di un figlio dell’uomo, semitismo che indica, semplicemente, l’uomo. Non più delle bestie deterranno il potere in Israele, ma un uomo, finalmente.

Uomini, non bestie assetate di potere e di denaro.

Quanta poca umanità, ancora oggi, troviamo in coloro che detengono il potere!

Quanta poca umanità nel potere religioso del Sinedrio e in quello politico dell’aquila romana!

Pilato, durante tutto il colloquio, pone solo domande. Non si interroga: interroga.

E non ascolta le risposte.

La verità

Alla fine di questo anno liturgico, salutando l’evangelista Marco, celebriamo il nostro re.

Questo re.

Che ci porta alla verità di noi stessi, non certo a conquistare il mondo.

Che ci porta a Dio, non a inebriarci di potere.

E siamo qui, se ancora lo vogliamo, a dirci suoi discepoli.

Tu sei re?

Sì, Signore. Lo credo.

Lo voglio.

  • Scampia 23/11 ore 18 Maria con i piedi per terra Centro Hurtado, viale Resistenza 27
  • Vicenza 10/12 ore 20,30 Perché Dio ancora nasca Chiesa Immacolata, Zané
  • Rovigo 11/12 ore 20,30 Perché Dio ancora nasca San Martino di Venezze
  • Verona 12/12 ore 20,45 I profeti, lo sguardo di Dio Sala civica, piazza s. Benedetto Villanova di san Bonifacio
  • Brescia 13/12 ore 20,30 Gesù guarisce Ospedale Montecroce, Desenzano
  • Biella 14 dicembre ore 21 Accogliere Dio che si da povero Chiesa di san Paolo
  • Lugano 15 dicembre ore 14,30/17 Come un granello di senapa Centro Trasfigurazione, via Polar, Breganzona

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *