1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – Lc 9, 11-17

    Corpus Domini

    Lc 9, 11-17
    Dal Vangelo secondo Luca

    In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.
    Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta».
    Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». C’erano infatti circa cinquemila uomini.
    Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti.
    Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla.
    Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 29 Maggio – 04 Giugno 2016
    • Tempo Ordinario IX, Colore bianco
    • Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 1
  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO

Pesce spezzato

Come forse saprete dedico parte della mia vita ad accettare gli inviti che mi provengono da parrocchie, diocesi, librerie, per girare l’Italia e spezzare il pane della Parola, attraverso momenti di riflessione, di meditazione, di conferenza.

Ed è, per, vitale dedicare un paio di mesi durante l’anno a incontrare, conoscere, scoprire realtà che, altrimenti, dall’alto del mio rifugio alpino, non potrei conoscere.

Piccole grandi realtà di Chiesa, alcune molto vivaci, altre in evoluzione, che allargano le mie prospettive.

E, quando posso, spesso mi unisco in incognito alla celebrazione dell’eucarestia.

Perché, volente o nolente, è quello il luogo che raduna la comunità, che la rende visibile e presente.

È in una chiesa, piccola o grande, storica o moderna, splendida o decadente, che si raduna la Chiesa. E lo fa per una ragione ben precisa, in un momento puntuale e specifico: per ripetere, in obbedienza al Signore, quel fate questo in memoria di me che, crediamo, lo rende presente nel segno del pane e del vino.

Non sempre ne siamo consapevoli e, dobbiamo essere onesti, a volte, partecipando, si ha l’impressione di una certa abitudinarietà che, come in un rapporto di coppia ormai datato e stantio, un po’ spegne gli entusiasmi di chi vorrebbe riconoscere, in quella ritualità, l’ultima cena.

Tant’è: che siano delle splendide celebrazioni o delle messe buttate giù di fretta, Cristo viene.

Pane spezzato

Il vangelo di oggi ci racconta la moltiplicazione dei pani e dei pesci nel racconto di Luca.

Luca lo struttura lasciando intravvedere, in filigrana, la celebrazione dell’eucarestia che, probabilmente, sta vivendo con le sue comunità.

D’altronde Luca ha conosciuto la fede, probabilmente, grazie alla predicazione di Paolo il quale, come abbiamo ascoltato nella seconda lettura, è scrupolosamente attento a tramandare alle sue comunità ciò che a sua volta ha ricevuto.

Alcuni dettagli della sua versione svelano questo parallelismo: la moltiplicazione avviene all’imbrunire e non possiamo che pensare al misterioso viandante di Emmaus che viene pregato di restare perché scende la sera; Luca è l’unico che ci dice che Gesù fece dividere la folla in gruppi di cinquanta, probabilmente il numero degli appartenenti ad una comunità, di più, e lo vediamo bene!, si diventa un gruppone anonimo senza rapporti; non si spezzano solo i pani ma anche i pesci (!) cosa improbabile ma sappiamo che il pesce, nelle prime comunità, è simbolo di Cristo: è lui ad essere spezzato.

Luca, insomma, ci manda un messaggio preciso: il più grande miracolo che Gesù ha compiuto non è quello di avere sfamato le persone. Ma le loro anime.

Facendosi lui stesso cibo nell’eucarestia.

Uh, già!

Perché, alla fine della fiera, il significato di questa domenica del Corpus Domini è tutto e solo qui: durante la celebrazione dell’eucarestia, di ogni eucarestia, anche bislacca, azzoppata, frettolosa, Gesù si fa pane spezzato, osa, rischia, si dona.

Senza misura, senza condizioni, senza reticenze.

Se è così, se ne prendiamo coscienza, se lo assaporiamo, allora non possiamo fare a meno di esserci.

E di gioirne, e di fare di tutto perché le nostre celebrazioni siano piene, belle, autentiche, solari, forti, dinamiche, oranti, fonte e culmine della nostra fede.

E questa consapevolezza, permettetemi un incoraggiamento, deve partire dal celebrante che diventa, in quel momento, pontefice, cioè ponte, strumento, passaggio.

Forse vale la pena, serenamente, oggi, di chiederci se non dovremmo celebrare meno messe e ridare spazio a Dio nelle nostre messe, che non sono una buona abitudine, ma l’attuazione qui e ora della salvezza del Signore.

Ancora

Il brano di Melchisedek che offre (o riceve?) il pane e il vino come segno di benedizione verso Abramo che torna vittorioso dalla battaglia contro l’Alleanza del Nord è sempre stato letto come una prefigurazione di Cristo. E ci sta. Ma quando quell’episodio è stato scritto, probabilmente il messaggio era ancora più forte: la prima volta che si parla di un gesto cultuale ad opera di un sacerdote nella Bibbia questo avviene per la preghiera di un pagano, un cananeo.

Per imparare a riconoscere in ogni uomo il desiderio profondo di interagire con Dio, di raggiungerlo, di ottenere una benedizione.

E noi abbiamo l’immensa fortuna, la gioia indescrivibile, di abitare Dio.

Ho scritto, in questi mesi, che “il modo per evitare che l’Europa si islamizzi, nuovo fantasma agitato dai giornaloni, è tornare alla fede vera, andare a messa, pregare, riscoprire il Vangelo, convertirsi sul serio, passare da una religione sociale all’incontro con Gesù. E agli amici musulmani dico, con amicizia: accogliete la buona notizia che Dio non vi tratta più come muslimsottomessi, ma come figli”.

È triste vedere, invece, come molti si scandalizzino dell’islamizzazione dell’Europa, guardandosi bene dal riscoprire la verità (e non solo le radici culturali!) del Vangelo.

Buona domenica allora. E buona Messa, ovunque siate.

Non lasciamo cadere in terra il più straordinario dono che ci ha lasciato il Maestro.

La sua presenza nella povertà infinita di un pezzo di pane.

***

Conferenze di Paolo:

  • Vicenza 23/05 ore 20,45: La misericordia più della giustizia Via Beato Giovanni XXIII, n°2 – Valdagno

  • Ravenna 24/05 ore 17,30 Creazione e creatività Col Maestro Goffredo Gaeta Centro d’arte La Cartiera Via Firenze 445

  • Faenza 24/05 ore 20,30 Il Vangelo della misericordia Chiesa di S.Maria Assunta, Solarolo

  • Imola 25/05 ore 20,30 Misericordia e guarigione Sala Bcc, Via Emilia, 210/A

  • Bari 26/05 ore 20 Babilonia, Ninive e Gerusalemme Chiesa del Sacro Cuore, via Cardassi

  • Gubbio 27/05 ore 21 Il padre misericordioso Ex refettorio Convento san Francesco – pza 40 martiri

  • Vicenza 28/05 ore 17,30 Ritorno. Incontrare il Dio della Misericordia Piazza Duomo – Festival Biblico

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *