1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – LC 24, 46-53

    Ascensione del Signore

    Lc 24, 46-53
    Dal Vangelo secondo Luca

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».
    Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 08 – 14 Maggio 2016
    • Tempo di Pasqua VII, Colore bianco
    • Lezionario: Ciclo C, Salterio: sett. 3

    Fonte: LaSacraBibbia.net

  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO


Ex bambini devoti

Strana festa, l’Ascensione.

Anzi, un po’ birichina, quasi insostenibile. Facciamo finta di niente ma, secondo me, un po’ ci ruga.

Meno male che questo vangelo lo prendiamo sempre come se fosse una pia favoletta innocua e che, soprattutto, non ha nulla a che vedere con la nostra vita.

Altrimenti ci toccherebbe pure convertirci.

Secondo me l’odore di bruciato era forte e avremmo dovuto capirlo.

Quando Gesù, durante l’ultima cena in Giovanni, chiede ai discepoli di amarsi dell’amore con cui sono amati, qualche campanello avrebbe dovuto suonare.

E invece.

Quindi Gesù se n’è andato.

Dopo tutto lo spavento che ha fatto provare ai discepoli finalmente era risorto e apparso

Cucù! Era tutto uno scherzo, adesso le cose vanno che è una meraviglia. Sì: magari!

Proprio quando rifiatano per lo spavento, ecco che se ne va. Scusate, ma cosa c’è da festeggiare?

Insomma

Io avrei preferito che fosse rimasto. Risorto, eterno, un papa accessibile e simpatico come il nostro Francesco. Nessuna bega ecclesiale, nessun sinodo, nessuna contrapposizione o litigio: cosa pensa Gesù?

Basta chiederglielo!

È quello che speravano, immaginavano i discepoli, una volta superata la prova.

È quello che vorremmo noi: un Dio a portata di mano, a disposizione, sempre accessibile.

Non un Dio che carca sulle nostre spalle la gestione dell’avanguardia del Regno che siamo, in attesa del suo ritorno definitivo. Che fregatura!

Dio ci tratta da adulti!

Domande

Uomini di Galilea, perché continuate a guardare il cielo?

Quante domande la Parola rivolge al cercatore di Dio in questi giorni pasquali.

Perché piangi, anima mia, perché su di me gemi?

Perché cercate fra i morti uno che è vivo?

Dio ci interroga, ci scuote, ci invita ad andare oltre, a crescere, a credere.

No, non dobbiamo cercare in cielo il volto di un Dio che ha calpestato la terra.

Lo possiamo cercare là dove ha deciso, per sempre, di abitare: in mezzo ai fratelli più poveri, in mezzo alla comunità di coloro che credono nel Nazareno.

Paradosso insostenibile del cristianesimo!

Prima ci chiede di credere che il Dio invisibile si è fatto uomo.

Ora ci chiede di credere che il Dio accessibile si consegna nelle fragili mani di uomini peccatori e incoerenti!

Scambio sfavorevole: invece di incontrare il volto radioso e sereno del Maestro, incontriamo il volto rugoso e segnato dei cristiani…

E se, invece

Ma se, invece, Gesù avesse voluto dirci qualcosa di nuovo? Di inatteso? Se davvero nei progetti di Dio ci fossimo noi? Se, mettete il caso, davvero Gesù abbia (follemente) affidato l’annuncio del Regno alla Chiesa, peggio: a questa Chiesa?

Il nostro non è un Dio manager amministratore di una multinazionale del sacro che dirama le direttive e un numero verde per le emergenze, con gentili angeli che non danno mai risposte utili e fanno solo perdere tempo e pazienza, no.

Il Dio presente, il Dio in cui crediamo è il Dio che accompagna, certo, ma che affida il cammino del vangelo alla fragilità della sua Chiesa.

Il Regno sperato dagli apostoli occorre costruirlo, la nuova dimensione voluta dal Signore per restare nel mondo, non è una soluzione magica, ma è una dimensione pazientemente intessuta da ognuno di noi. È il tempo in cui dobbiamo rimboccarci le maniche.

Siamo noi, ahimè, il volto di Gesù per le persone che incontriamo sulla nostra strada…

Tu che leggi, fratello, sei lo sguardo di Dio per le persone che incontrerai.

Così il nostro Dio originale e spiazzante ha deciso.

E così davvero accade.

Il tempo della Chiesa

L’ascensione segna la fine di un momento, il momento della presenza fisica di Dio, dell’annuncio del vero volto del Padre da parte di Gesù, che professiamo Signore e Dio, con la rassicurazione, da parte di Dio stesso della sua bontà e della sua vicinanza nello sguardo di noi discepoli.

Ora è il tempo di costruire relazioni e rapporti a partire dal sogno di Dio che è la Chiesa: comunità di fratelli e sorelle radunati nella tenerezza e nella franchezza nel Vangelo.

Accogliamo allora l’invito degli angeli: smettiamola di guardare tra le nuvole cercando il barlume della gloria di Dio e – piuttosto – vediamo questa gloria disseminata nella quotidianità di ciò che siamo e viviamo.

La gloria di Dio, che abbiamo assaporato, siamo invitati a raccontarla, a renderla credibile ed accessibile, ben consapevoli che solo nel di più, nell’altrove riusciremo finalmente a realizzarla in pienezza.

Restiamo in città, non fuggiamo la disperante banalità dell’oggi, perché è lì che Gesù sceglie di abitare: nell’oggi, nel delirio confuso della mia città.

Cerchiamo Dio, ora, nella gloria del Tempio che è l’uomo, tempio del Dio vivente, smettiamola di guardare le nuvole, se Dio è nel volto povero e teso del fratello che incrocio.

Il Signore ci dice che è possibile qui e ora costruire il suo Regno. L’ascensione segna l’inizio della Chiesa, l’avvio di una nuova avventura che vede noi protagonisti in attesa del suo ritorno definitivo.

E se la Chiesa ci ha masticato, offeso, provato, combattiamo con più forza, imitiamo i santi che convertirono la Chiesa a partire da loro stessi.

Staremo ancora a naso in su a scrutare gli astri?

A implorare un intervento divino?

O non vedremo – piuttosto – la presenza di Dio tra i suoi discepoli, presenza segnata nella fatica dell’accoglienza, nella vita di fede, nel desiderio di un mondo più solidale da costruire giorno per giorno?

Ascendiamo, fratelli: smettiamola di fare i bambini devoti.

Dio – ora – ha bisogno di discepoli adulti, capaci di far vibrare il Vangelo nella vita, capaci di dire la fede in modo nuovo.

***

Conferenze di Paolo:

  • Genova 15/05 ore 17,30: Il padre misericordioso Cascina “Pre’ Angiou” via Garrè Besolagno Savignone

  • Spoleto 18/05 ore 21: Il padre misericordioso Basilica san Pietro e Paolo

  • Firenze 20/05 ore 21: Il nome di Dio è misericordia Comunità il Mulino, loc. Casole 20, Vicchio

  • Vicenza 23/05 ore 20,45: La misericordia più della giustizia Via Beato Giovanni XXIII, n°2 – Valdagno

  • Ravenna 24/05 ore 17,30 Creazione e creatività Col Maestro Goffredo Gaeta Centro d’arte La Cartiera Via Firenze 445

  • Faenza 24/05 ore 20,30 Il Vangelo della misericordia Chiesa di S.Maria Assunta, Solarolo

  • Imola 25/05 ore 20,30 Misericordia e guarigione Sala Bcc, Via Emilia, 210/A

  • Bari 26/05 ore 20 Babilonia, Ninive e Gerusalemme Chiesa del Sacro Cuore, via Cardassi

  • Gubbio 27/05 ore 21 Il padre misericordioso Ex refettorio Convento san Francesco – pza 40 martiri

  • Vicenza 28/05 ore 17,30 Ritorno. Incontrare il Dio della Misericordia Piazza Duomo – Festival Biblico

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *