1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

    VI Domenica del Tempo di Pasqua

    Gv 14, 23-29
    Dal Vangelo secondo Giovanni

    In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
    «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
    Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
    Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
    Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 01 – 07 Maggio 2016
    • Tempo di Pasqua VI, Colore bianco
    • Lezionario: Ciclo C, Salterio: sett. 2

    Fonte: LaSacraBibbia.net

  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO

La nuova Gerusalemme

 

La città non ha bisogno della luce del sole,
né della luce della luna:
la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello.

Così Giovanni, ormai anziano, dall’isola di Patmos dove è in esilio, immagina la nuova Gerusalemme, quella che scende dal cielo, da Dio, adornata come una sposa pronta ad incontrare il proprio sposo. Una città costruita sulla testimonianza dei dodici basamenti, gli apostoli, con dodici porte (il dodici in Israele è la totalità), tre per ogni lato, in modo che chiunque possa entrare.

Una città illuminata dalla gloria di Dio, che tiene in mano la lampada dell’Agnello, il Cristo.

Ben diversa dalla Gerusalemme storica, diciotto volte rasa al suolo e ricostruita, segno di speranza e di contraddizione, contesa dagli uomini che giungono ad uccidersi per possederla.

La città che sogna, che vede Giovanni, invece, è un’altra, è diversa, è raggiante.

Raggiante perché riempita di quell’amore che deriva da Cristo e che deborda, come dicevamo domenica scorsa.

Luminosa perché abitata dalla gloria che è il dono di Dio agli uomini, il Signore Gesù.

Bello, in teoria.

Ma è ciò che viviamo nelle nostre comunità cristiane?

Insomma…

Sì, certo, un po’, speriamo.

Speriamo che sia quella Gerusalemme splendente, fondata sulla testimonianza degli apostoli e spalancata all’accoglienza il metro di paragone delle nostre scelte pastorali.

Speriamo che siano le parole dette la Maestro dopo l’ultima cena ad incoraggiare le nostre assemblee, a rendere ottimisti i nostri discorsi, radiosi e colmi di speranza le nostre omelie.

Lo ha detto chiaramente, il risorto: non dobbiamo temere, né avere paura, né essere turbati.

Dal mondo che implode, dalla violenza di chi uccide nel nome di Dio, dalla violenza di chi uccide nel nome degli antichi dei, il potere e il denaro, dal clima di crescente disumanizzazione, di rissa e di declino che respiriamo ogni giorno.

No, non abbiamo paura.

Non perché siamo incoscienti, ma perché dimoriamo nella pace che proviene da Cristo. Una pace che non è assenza di conflitto, ma fioritura perenne di bene e di luce. E lo Spirito Santo che è il dono ci aiuta a vedere tale luce, ci permette di dimorare nella pace che pacifica il cuore.

Nello Spirito vediamo la Gerusalemme che si sta costruendo, non quella colma di contraddizioni che rischiamo di costruire.

Possiamo osare, credere in un mondo diverso perché qui e ora lo stiamo costruendo, sofferto e claudicante, ma reale ed evidente. Un mondo nuovo che nasce dall’accoglienza della Parola d speranza che ci dona il Maestro.

Corvi

Bella riflessione, davvero.

Complimenti. Però?

Parlare di amore è sempre una carta vincente, ma poi?

E accusare le comunità di essere poco coerenti è ormai un tiro al piccione, banale e scontato, lo fanno tutti in questo clima di crescente anticlericalismo che, alla fine della fiera, diventa anticristianesimo e, già si vede, persecuzione.

Sanguinante e tragica per troppi fratelli fuori dall’Europa, subdola e strisciante, come dice papa Francesco, nel nostro continente sempre meno appoggiato alle proprie radici bibliche. E un albero che non ha radici, lo sappiamo bene, cade al primo colpo di vento.

Ma la liturgia ci aiuta, ci viene incontro, concretizza le visioni, incarna gli auspici romantici e spirituali.

Grazie ai corvi.

Corvi che raggiungono le comunità fondate da Paolo e Barnaba mettendo in dubbio il loro operato, facendo credere ai pagani che si sono avvicinati al risorto che, prima di essere discepoli, devono diventare ebrei, facendosi circoncidere.

Corvi che distruggono ciò che altri hanno costruito.

Concilio

Paolo e Barnaba lottano ma non riescono, spiazzati e storditi dal dover combattere in casa proprio, contro l’opinione di fratelli nella fede. E che fanno?

Scendono a Gerusalemme, dagli apostoli, discutono, spiegano, chiedono aiuto.

Aiuto che arriva con tutta l’autorevolezza di chi, ad ascoltare Gesù, c’era.

Una lettera rassicura e incoraggia i nuovi arrivati. Le porte della nuova Gerusalemme terrena sono spalancate.

Tira una strana aria nella Chiesa.

Chi non crede applaude papa Francesco come se fosse una star, guardando al dito, invece che guarda alla luna che il dito indica.

Alcuni fra quelli che credono, pochi ma chiassosi e rissosi, mettono addirittura in dubbio le parole del successore di Pietro che, insieme ai successori degli altri apostoli, ha lungamente riflettuto sulla visione cristiana della coppia, proponendo alle comunità un testo denso e complesso, ottimista e realista.

Le opinioni, nella Chiesa, ci devono essere, ed è vitale che ci siano.

Ma quando gli apostoli parlano, sarebbe bene accogliere e riflettere, senza menare pugni colpendo l’aria e disorientando le comunità.

Anche questo è un modo concreto di dimorare nell’amore.

 

  • Conferenze di Paolo:

  • Vicenza 23/05 ore 20,45: La misericordia più della giustizia Via Beato Giovanni XXIII, n°2 – Valdagno

    • Ravenna 24/05 ore 17,30 Creazione e creatività Col Maestro Goffredo Gaeta Centro d’arte La Cartiera Via Firenze 445

    • Faenza 24/05 ore 20,30 Il Vangelo della misericordia Chiesa di S.Maria Assunta, Solarolo

    • Imola 25/05 ore 20,30 Misericordia e guarigione Sala Bcc, Via Emilia, 210/A

    • Bari 26/05 ore 20 Babilonia, Ninive e Gerusalemme Chiesa del Sacro Cuore, via Cardassi

    • Gubbio 27/05 ore 21 Il padre misericordioso Ex refettorio Convento san Francesco – pza 40 martiri

    • Vicenza 28/05 ore 17,30 Ritorno. Incontrare il Dio della Misericordia Piazza Duomo – Festival Biblico

  • Qualcuno vuole venire con me in Ungheria sulle tracce di san Martino ad agosto? http://www.tiraccontolaparola.it/pellegrinaggio-ungheria-dal-17-al-24-agosto-2016. E a ottobre tre giorni nel Sud della Francia: https://tour.effata.it/tour/bellezza

  • Dona il tuo 5×1000 all’associazione culturale Zaccheo che sostiene Paolo: scrivi sulla tua dichiarazione dei redditi cf 97715480014.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.