1. LEGGI IL VANGELO

    XXVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

    Dal Vangelo secondo Marco

    [ads2]In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
    Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
    Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
    Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà».

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 11 – 17 ottobre 2015
    • Tempo Ordinario XXVIII, Colore verde
    • Lezionario: Ciclo B | Anno I, Salterio: sett. 4

    Fonte: LaSacraBibbia.net

Osiamo

C’è chi vuole capire il senso della vita, anche se ha tanto, anche se ha tutto, anche se ha troppo.

Come il simpatico personaggio di oggi che chiede a Gesù cosa fare per ottenere la vita dell’Eterno.

Gesù gli risponde a tono, senza chiedergli niente di più.

Non lo scoraggia, non polemizza, avverte il suo desiderio sincero.

La sua è una risposta esemplare, tipica dei rabbini del suo tempo: propone al giovane di osservare i comandamenti, niente di particolarmente difficile.

Mi piace un sacco questa cosa: Dio non chiede cose superiori alle nostre forze. È lui che media, che interviene, che si adatta.

La fede è accessibile, la salvezza, cioè la vita piena, parte dalle piccole cose.

Folgori

Quello gli rispose: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate sin dalla mia fanciullezza».

Lo è o lo fa?

Mi incuriosisce proprio tanto questo ragazzo.

Io, alla richiesta di Gesù, mi sarei cortesemente congedato e me ne sarei andato con il proposito di ripassare dopo vent’anni. Lui no, ammette candidamente di osservare tutti i precetti, di essere a posto, di averlo fatto da sempre.

Un impressionante san Luigi Gonzaga ante litteram, insomma.

Meglio: ha seguito la lezione di Gesù e non lo chiama più “buono” ma solo “maestro”.

Che tipo!

Eppure non è soddisfatto.

Li ha seguiti i precetti, da sempre, ma non è quella la soluzione.

Il suo cuore è ancora assetato. Cosa gli manca?

Ha seguito la regola e il rigore. Gli mancano la bontà e la misericordia.

Gesù è pronto a dargli l’amore che ancora non ha conosciuto.

La regola e il rigore non colmano il cuore. Non spengono la sete.

Soddisfano la nostra coscienza perché adempiamo ad una regola e, almeno in passato!, ciò era approvato dalla società.

Una cosa è certa: al giovane l’osservanza delle regole non è bastata.

Gesù, visto il desiderio del giovane, colma la distanza.

L’affermazione di Marco, unica nel vangelo, è una fucilata.

Gesù guardandolo lo amò.

Quello sguardo

Quello sguardo è lo sguardo che ha incontrato Pietro e Levi e Marco.

E ogni discepolo da allora ad oggi.

Non basta seguire le regole. Dobbiamo, prima o dopo, fare esperienza di quello sguardo.

Nessuna apparizione, per carità!

È l’esperienza concreta dello sguardo del Signore che ci raggiunge nella preghiera, nella meditazione, nell’adorazione. L’esperienza che cambia la vita.

Solo se sentiamo su di noi lo sguardo amorevole del Signore possiamo dire di avere fatto esperienza di Dio, solo se sentiamo in noi lo sguardo mai giudicante del Maestro cogliamo la verità della proposta cristiana.

Quello sguardo è la sintesi dell’annuncio cristiano.

Sei amato. A prescindere.

Sei amato bene.

Sei amato seriamente.

Quell’amore che dona gioia, non l’amore del pozzo che non sazia, Dio solo, che ne è sorgente, può donarcelo.

Ecco, tutto è compiuto. Lo sguardo del giovane, ora, è immerso nell’amorevole sguardo di Cristo.

Che osa.

Esigenze

Gli disse: «Ti manca ancora una cosa. Va’, vendi tutto ciò che hai, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi, vieni e seguimi!».

Gesù chiede.

Una serie di imperativi: va’, vendi, dallo, vieni, seguimi!, movimentano la scena accelerando i tempi.

Ecco la bontà, ecco la pienezza. Se il giovane non si è accontentato della regola ecco la proposta di abbandonare tutto per seguire la misericordia.

Non si tratta di liberarsi delle ricchezze ma di condividerle, di amplificare i comandamenti diretti al prossimo per condividere, per osare, per lasciare le reti nelle quali è imbrigliato…

È una proposta inattesa, folgorante, bruciante, diretta.

Ciò che manca al giovane virtuoso è il coraggio di sognare, di volare, di essere ciò che Dio ha pensato per lui.

Mozza il fiato tanto ardire da parte di Gesù.

L’invito non è rivolto ai religiosi ma a chiunque non si accontenti di una fede che sia solo osservare le regole. L’invito è rivolto a quanti, come il giovane, hanno il cuore pieno di desiderio insoddisfatto. A chi ancora osa sognare.

La proposta di Gesù è netta: lascia ciò che non sazia e seguimi.

E per farlo ci guarda con amore.

Fughe

Bello, per carità, ma forse troppo, non esageriamo.

Se ne va triste il giovane.

Ce ne andiamo tristi se non abbiamo il coraggio di credere nella santità che Dio mette nei nostri cuori.

Osiamo.

  • Sostieni la nostra associazione col tuo 5×1000! Scrivi sulla tua dichiarazione dei redditi: cf 97715480014.
  • Commento video al vangelo: www.youtube.com/user/paolocurtaz
  • Domenica 18 ottobre riprende il Sicomoro, mezza giornata di ritiro a Tortona (Al). Info: http://www.paolocurtaz.it/allombra-del-sicomoro-20142015/
  • Conferenze di Paolo Curtaz: Bari 20/10 ore 19,45: Il viaggio di Gesù verso Gerusalemme nel Vangelo di Luca; Chiesa del Sacro Cuore, via Cardassi – Firenze 21/10 ore 18: “Il Dio di Gesù. Il Dio inatteso” Per giovani, ore 21 “Ci vuole coraggio per amarsi così” Per coppie; Parrocchia San Pio X al Sodo, via della panche 212 – Livorno 22/10 ore 21,15: Il Buon Samaritano; Salone dell’istituto Santa Maria Maddalena – Mantova 23/10 ore 21: Servire è l’altro volto dell’amore, Chiesa dell’Annunciazione, Roverbella.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.