1. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – Lc 24, 35-48

    III DOMENICA DI PASQUA – ANNO B

    Lc 24, 35-48
    Dal Vangelo secondo Luca

    35Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. 36Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 37Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. 38Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? 39Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». 40Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. 41Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». 42Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; 43egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. 44Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosé, nei Profeti e nei Salmi». 45Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture 46e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, 47e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. 48Di questo voi siete testimoni.

    C: Parola del Signore.
    A: Lode a Te o Cristo.

    • 08 – 14 Aprile 2018
    • Tempo di Pasqua II
    • Colore Bianco
    • Lezionario: Ciclo B
    • Anno: II
    • Salterio: sett. 2

    Fonte: LaSacraBibbia.net

  2. SCARICA IL TESTO IN PDF

    Il seguente testo lo puoi scaricare in formato PDF – DOWNLOAD

  3. ASCOLTA L’AUDIO

Una nuova prospettiva

Parlano in fretta, i due tardoni di Emmaus.

Si sovrappongono, esagitati, scossi dall’incontro col pellegrino.

Il loro incontro col risorto è stato segnato da quella frase sconcertante: noi speravamo.

La speranza declinata al passato.

Poi lo scossone di quel forestiero che, no, non sapeva cosa era accaduto a Gerusalemme, anche se parlavano della sua morte. E che li aveva amabilmente presi in giro e catechizzati.

Poi, allo spezzare del pane, tutto era diventato evidente, appena prima che egli sparisse.

 

Bevono le loro parole, i pavidi apostoli.

Ascoltano e confermano le tante notizie. Ora sono due maschi a parlarne, non le donne che, si sa, sono sempre emotivamente instabili.

E mentre parlano arriva.

Lui, il risorto. Il presente. Il Signore.

Quando raccontiamo agli altri la nostra esperienza di fede, quando l’incontro con Dio trasuda dalle nostre parole, Gesù si manifesta nel cuore di chi ci ascolta.

È così, la fede, un comunicare da bocca a orecchio. Da cuore a cuore.

Paura

Ma hanno paura. Troppa per credere.

Paura che sia un’illusione, una finta, un trucco, un inganno. E i dubbi, pronti, sono lì a battere cassa, a fare l’elenco dell’improbabilità di quanto successo. I nostri dubbi.

Hanno paura di credere, di osare, i discepoli.

Troppo bello per essere vero.

È un fantasma.

Evanescente.

Un ricordo. Un’allucinazione. Un ectoplasma.

Come pensiamo, sul serio, che sia Gesù.

Un bravo tipo perso nei fumi sacri della Storia.

Un fantasma.

Così riduciamo, troppe volte, il nostro Maestro.

 

Gesù, come con Tommaso, insiste, osa, scuote, obbliga.

Guardate, toccate, vedete.

Ma è un po’ di pesce arrostito condiviso a convincerli.

Un gesto di assoluta concretezza.

Solo nei colori, nei suoni, negli odori, nei ricordi, possiamo riconoscere il Risorto.

È concreta la fede. Fatta di sudore e sangue.

I doni

Ci riempie di doni, il Signore.

La pace, anzitutto. Quella che ci deriva dalla certezza di essere amati.

La pace che non è un’irrealistica utopia di un mondo che, invece di andare verso l’unità, sembra esplodere nell’odio e nella violenza.

Il cristiano è pacifista perché pacificato, perché, in Cristo risorto, sa che nessuna croce è definitiva.

La pace, che non esclude momenti di sconforto, di dubbio, di rabbia, è un dono che va accolto e conquistato. Il primo dono ai credenti.

Dimorare nella pace significa mettere Cristo al centro, prenderlo come punto di riferimento definitivo e vincolante.

Amare. Vivere da risorti.

La resurrezione non è qualcosa che ci capiterà un giorno, se facciamo i bravi.

Ma la condizione in cui siamo posti da ora, se credenti.

Una mente spalancata

Per poter vivere da persone riconciliate col mondo e con gli altri, con noi stessi e col nostro passato, siamo chiamati a interpretare e leggere la nostra vita alla luce della resurrezione.

Difficile, ovvio.

Mi consola il fatto che gli apostoli, prima di noi, abbiano dubitato, come me.

Eppure quella è la strada, l’unica percorribile, l’unica vera.

Il mondo da sempre è divorato dalla violenza e dall’egoismo e l’uomo, nonostante le periodiche e illusorie prospettive che vedono in esso una bontà naturale nei fatti indimostrabile, è segnato dall’ombra del peccato e della morte.

Eppure siamo salvati e redenti.

Risorti con Cristo, cerchiamo le cose di lassù, dove è seduto il Cristo.

Lo Spirito, dono del risorto, ci permette, attraverso la meditazione della Scrittura, di leggere la nostra vita ad un livello più profondo e autentico.

Ed è quello che stiamo facendo qui, ora.

 

Solo alla luce del risorto possiamo gettare leggere la Storia dalla prospettiva di Dio.

Una gran bella prospettiva.

Conferenze di Paolo Curtaz, ingresso libero:

  • Livorno 11/04 ore 18 I re di Israele, Via dell’Indipendenza 19 –
  • Livorno 11/04 ore 21Come un granello di senapa. Un modo evangelico di vivere la pastorale, Parrocchia Trinità, piazza Gavi 6 –
  • Brescia 12/04 ore 20,30 Testimoni del risorto Auditorium san Fedele – Palazzolo sull’Oglio –
  • Parma 13/04 ore 21 “I miei pensieri non sono i vostri pensieri” La logica di Dio e la logica del mondo nel Vangelo, Seminario Vescovile di Bedonia –
  • Lugano 14/04, ore 14,30/17,00 Il battesimo: concittadini dei santi Centro della Trasfigurazione, via Polar 35, Breganzona

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.